Porta Portese Tassista «recidivo» investe pedone e fugge

Pirata della strada recidivo. Non ha perso il vizio il tassista romano di 34 anni arrestato ieri mattina dai carabinieri della compagnia di Trastevere dopo che aveva travolto e ucciso in via Cesare Pascarella a porta Portese, un anziano sulle strisce pedonali. Il pirata aveva già un precedente. Lo scorso anno, in via Ienner, sempre a Monteverde, travolse una anziana che morì in ospedale dopo un mese di agonia. Era il 22 ottobre del 2008. Stessa modalità: auto a folle velocità incurante di stop e strisce pedonali.
Ma veniamo a ieri. L’anziano, 82 anni di origine inglese ma residente nella capitale da molti anni, è morto poco dopo essere stato trasportato al San Camillo. L’auto del tassista, che opera all’interno di una cooperativa capitolina, è stata però notata da alcuni passanti che hanno avvisato il centralino dei carabinieri. Sono scattati subito i controlli e i posti di blocco in tutta la zona. A quel punto il tassista, sentendosi probabilmente braccato, ha deciso di presentarsi nella caserma dei carabinieri di Monteverde, denunciando di essere rimasto vittima del furto dell’auto. I militari, allertati via radio dalla centrale operativa, si sono però insospettiti e lo hanno interrogato. A quel punto l’uomo ha confessato di aver travolto l’anziano poche ore prima. I carabinieri stanno ora verificando se il tassista fosse sotto l’effetto di alcol o sostanze stupefacenti. L’uomo è stato arrestato e accusato di omicidio colposo, oltre che di omissione di soccorso.
C’è un curioso precedente in tema. Nel 2001 un tassista che travolse due anziani rinunciò alla patente. Si chiuse così, con una singolare «rinuncia giudiziaria alla patente di guida» il caso di un tassista sottoposto a due diversi procedimenti penali per altrettante ipotesi di omicidio colposo. L’ex automobilista travolse e uccise due pensionati milanesi che stavano attraversando la strada sulle strisce. Per il primo dei due incidenti mortali, il tassista ottenne il patteggiamento. Appena un mese dopo, lo stesso imputato travolse il secondo anziano nello stesso modo. Del secondo omicidio colposo si era occupato il pm Aprile, che dopo aver scoperto il precedente, chiese e ottenne gli arresti domiciliari per il recidivo. E con un ricorso rarissimo ha poi convinto la Cassazione ad annullare il patteggiamento, giudicato troppo favorevole all’imputato. Questo a dimostrazione di come funziona la giustizia in Italia. Che ci faceva in circolazione il soggetto in questione, e con lo stesso mezzo inplicato nell' incidente precedente? Ho letto una notizia di un povero disgraziato che per il furto di un pacco di biscotti è stato condannato a tre ( 3 ) anni di reclusione, questo perché il giudice ha voluto dare un condanna esemplare. E allora perché questi pirati della strada non subiscono la stessa " procedura " ? Non finiro' mai di indignarmi. P.S. Appena recupero l' articolo del caso dei " biscotti " ve lo posto con molta piacere. http://www.internapoli.it/articolo.asp?id=15789 vi posto il link del sito ( se non funziona coppia/incolla ) dove potette leggere e scandalizzarvi liberamente per l' assurdo dei tribunali.

0 commenti:

Posta un commento

Lasciate liberamente un commento, ma nel rispetto della buona educazione.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Rivoglio la mia Italia. Non sono consentiti: * messaggi non inerenti al post (pena,la rimozione del commento) * messaggi pubblicitari * messaggi con linguaggio offensivo * messaggi che contengono turpiloquio * messaggi con contenuto razzista o sessista * messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.) Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.