Ecco il nuovo codice della strada

Il Senato ha dato il sì definitivo al disegno di legge
delega. I provvedimenti saranno operativi fra qualche mese Targhe personalizzate, patente a punti, sistemi
di sicurezza e norme più severe. In 2 sul motorino: si può ROMA - Il Senato ha approvato oggi il disegno di legge delega per la revisione del codice della strada. Più sicurezza sulle strade, più severità nei confronti degli automobilisti, strade e autostrade più efficienti. I guidatori spericolati torneranno a scuola per riguadagnare i "punti" della patente perduti per le gravi infrazioni e sui banchi di scuola i giovani conducenti conseguiranno il "patentino" obbligatorio per guidare il motorino: queste alcune novità in arrivo col nuovo codice della strada. Bisogna tener presente che essendo una legge delega i provvedimenti fissati dalla legge diventeranno operativi non prima di qualche mese.

Il provvedimento nasce dalla unificazione di circa 40 proposte e prevede importanti novità soprattutto in tema di sicurezza. Il nuovo codice, oltre a rendere più dura la vita degli automobilisti indisciplinati, prevede una serie di dotazioni per rendere l'auto più sicura (airbag, abs), ma anche numerose curiosità. Tra queste per la prima volta si prevedono regole per pattini a rotelle, tavole a spinta, biciclette elettriche e motoslitte.

Ecco alcuni delle novità previste dalla legge che "aggiorna" il Codice della strada.

PATENTE A PUNTI
All'atto del rilascio della patente viene attribuito un punteggio di 20 punti. A seconda delle violazioni, più o meno gravi, è prevista la sottrazione di punti che sarà riportata dall'Anagrafe nazionale degli abilitati alla guida. La frequenza a corsi di aggiornamento consentirà di recuperare, nuovamente, i punti persi.

TARGHE PERSONALIZZATE
Arrivano anche in Italia le targhe personalizzate, sul modello americano. Il governo dovrà infatti aggiornare, ferma restando la sequenza alfa numerica, la disciplina della targatura prevedendo la possibilità di ottenere, dietro pagamento, targhe personalizzate.

ABS E AIRBAG OBBLIGATORI DA LUGLIO 2002
Tenendo conto delle normative europee l'Italia dovrà prevedere che a partire dal luglio 2002 che le nuove macchine immatricolate dovranno essere dotate di Abs e Airbag per guidatore e passeggero.

PATENTINO PER I MOTORINI
Riguarda i giovani che all'entrata in vigore dei decreti legislativi che il governo dovrà attuare entro nove mesi dall'approvazione della legge da parte del Parlamento, non abbiamo conseguito la maggiore età e che dovranno conseguire un certificato di idoneità. Lo si ottiene frequentando corsi di educazione stradale organizzati nella scuola dell'obbligo (statale e no). Per questo scopo il 7,5 per cento del gettito delle multe spettanti allo Stato vengono assegnate al ministero della Pubblica istruzione. Sulle due ruote si potrà andare in due purchè il guidatore sia maggiorenne e conduca un veicolo "idoneo".

VELOCITA'
Sarà rivista la disciplina della velocità dei veicoli per adeguarla alle caratteristiche e alla classificazione delle strade. In caso di precipitazioni atmosferiche di qualsiasi natura, fatte salve maggiori limitazioni sulla base di specifici provvedimenti, i limiti massimi di velocità previsti sulle autostrade (130 chilometri orari) e le strade extraurbane vengono ridotti di 20 chilometri orari.

NUOVI REATI
Si chiede sia previsto uno specifico reato per chiunque partecipa, promuove o organizza corse sulle strade pubbliche in assenza di autorizzazione prevedendo la sanzione dell'arresto (da uno a otto mesi), l'ammenda (da 1 a 10 milioni) e la confisca del mezzo e il ritiro della patente.

DOTAZIONI DI SICUREZZA
Saranno obbligatori il sistema di antibloccaggio della frenata (Abs), l'airbag, gli avvisatori che segnalino il superamento della velocità e il mancato allaccio della cintura di sicurezza.

ROLLERBLADE E MEZZI VARI
Per le motoslitte è prevista la targa obbligatoria, la tassa di possesso e l'assicurazione obbligatoria nonchè il possesso della patente "B". Pattini a rotelle e tavole a spinta possono circolare sulle piste ciclabili e nelle altre aree urbane individuate nei piani urbani del traffico.

RESPONSABILI ANCHE PER STRDAE DISSESTATE
Incidente dovuto anche a strade dissestate? D'ora in poi anche i proprietari, i concessionari o i gestori di strade e autostrade saranno chiamati a pagare i danni per difetti di progettazione, realizzazione o manutenzione. E' quanto prevede un emendamento al codice della strada presentato da An (firmato da Sandra Fei ed Enzo Savarese) ed approvato dall'aula della Camera nonostante il parere contrario del relatore e del governo.

SCUOLA GUIDA IN AUTOSTRADA
Niente patente se non si è fatta un pò di pratica in autostrada (sempre con l'istruttore della scuola guida) e sulle strade extraurbane. Ma prima dell'esame di guida ci si dovrà esercitare a guidare anche di notte.

PRA ANCHE PER I MOTORINI
Anche i motorini avranno un"pra", un archivio pubblico nel quale vengono comunicati e abbinati modello, telaio e proprietario.

AUTOSTRADE ILLUMINATE IN ZONE NEBBIA
I tratti di autostrada dove la nebbia c'è più di frequente saranno illuminati in maniera adeguata. Una precauzione in più che si aggiunge all'obbligo di accrescere la visibilità in autostrada di notte e quando piove.

0 commenti:

Posta un commento

Lasciate liberamente un commento, ma nel rispetto della buona educazione.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Rivoglio la mia Italia. Non sono consentiti: * messaggi non inerenti al post (pena,la rimozione del commento) * messaggi pubblicitari * messaggi con linguaggio offensivo * messaggi che contengono turpiloquio * messaggi con contenuto razzista o sessista * messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.) Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.